Tocchi da veccia Vernassa


Pezzi della vecchia Vernazza… la Vernazza che conoscevamo prima dell’alluvione e che resterà sempre dentro di noi, perché da lì veniamo o ad ogni modo da lì siamo passati.

Tocchi da veccia Vernassa è il titolo della mostra che Maria Capellini ha allestito al Castello Doria e che potrete visitare fino a fine agosto.

foto 3

Tocchi da veccia Vernassa è anche il titolo di questa poesia composta da Tofa per l’inaugurazione della mostra

Questi tocchi feruzenti
che anco’ chi, ne fanun ve’
I nu l’enun feri vecci
che vegnia a cata’ i strasse’.
I l’en tocchi da Vernassa
qua’ de primma de qua’ cena
che sta donna a l’ha truvau
I ne parlan aua sti tocchi
grassie a questa grande idea
perché i vunun ricurdane
da Vernassa ,qua’ che g’hea.
I l’en tocchi de autumobili
de furnelli,de pullmin, toe,
careghe, rei de letti,
porti veccie, cumudin.
E i trei morti de Vernassa
i ne vonun ricurda’
che ar ma, vixin a Fransa
u l’ha fatta poi straqua’
Aua Vernassa a l’e’ rifatta
incua ciu bella ca nu l’ea
ma ho paua che quarco’ manche se pensu aua na spea.
Saviemu turna cumpurtase
cummu in te na gran famiggia
cun rispettu, amu’, cuncordia
o faiemu a chi ciu’ piggia?
Se è virtù che g’hea na vota
g’ha purtae via quella cena
caa Mariuccia , scava pure
ghe saa’ sullu l’aena.

 
Questi pezzi ferruginosi
che anche qui ci fanno vedere
non sono ferri vecchi
che vengono a comprare i robivecchi.
Sono pezzi della Vernazza
quella di prima di quella piena
che questa donna ha trovato
e ci parlano adesso questi pezzi
grazie a questa grande idea
perché vogliono ricordarci
della Vernazza, di quella che c’era.
Sono pezzi di automobile
di fornelli, di minibus, tavole,
sedie, reti dei letti,
porte vecchie, comodini.
E i tre morti di Vernazza
ci vogliono ricordare
che il mare, nella vicina Francia
li ha fatti poi finire.
Ora Vernazza è rifatta
ancora più bella di com’era
ma ho paura che qualcosa manchi se ora penso un poco
Sapremo di nuovo comportarci
come in una grande famiglia
con rispetto, amore, concordia
o faremo a chi più piglia?
Se le virtù che c’erano una volta
ha portato via quella piena
cara Mariuccia, scava pure
ci sarà solo la sabbia.

L’inaugurazione della mostra il 5 agosto è anche stata occasione per presentare il libro “Mare Verticale” di Marco Ferrari, edito da Laterza.

foto 2